Home > NEWS > Adriano Cammarata: una vita con la passione per la radio

Adriano Cammarata: una vita con la passione per la radio

Vive a Cefalù un esperto di radiofonia che ha legato la sua vita alla radio privata. E’ un legame che gli arriva dalla sua stessa famiglia. Tutto comincia nel 1934 quando Pasquale Cammarata, papà di Adriano, effettua esperimenti radio televisivi a Cefalù. Pasquale, pioniere a livello nazionale, con un apparecchio da lui stesso costruito, fu in grado di ricevere le trasmissioni sperimentali TV della BBC (British Broadcasting Corporation) ed in seguito di costruire una stazione radiofonica in onde medie con la quale trasmise la cronaca di un evento religioso. Le immagini televisive emesse da Londra erano di dimensioni molto ridotte e si formavano all’interno di una valvola al neon. La sincronizzazione era realizzata meccanicamente con la rotazione di un disco bucherellato collegato ad una dinamo di automobile. Pasquale per migliorare l’immagine utilizzò una lente montata a ridosso del disco rotante. Tra la BBC e l’appassionato studioso Cefalutano iniziò uno scambio di informazioni .

Oggi della corrispondenza in oggetto rimangono tre lettere, di proprietà degli eredi Cammarata, che documentano l’interesse dell’emittente londinese per gli esperimenti. Dell’impresa del pioniere Cammarata se ne occupò anche la stampa nazionale. Con il pezzo “Esperimenti di televisione a Cefalù” l’idea Cristiana anno XVIII n 5 del 16 Maggio 1937 si interessò della vicenda. Pasquale Cammarata l’11 luglio 1934, in occasione dell’insediamento nella Diocesi Cefaludese del Vescovo S.E Mons. Emiliano Cagnoni, per consentire l’ascolto della cerimonia in Piazza Duomo ed in qualche tratto di Corso Ruggero, costruì ed installò in Cattedrale una stazione radio in onde medie e trasmise la cronaca dell’evento con un microfono “a carbone”. Dall’antica Radio Cammarata nel boom delle radio libere nacque una moderna e più stabile versione ad opera di Adriano Cammarata , figlio di Pasquale, che nell’autunno del 1976 iniziò a trasmettere ufficialmente.

Adriano, con altri giovani, fondò una radio libera che propose programmi religiosi, culturali, sportivi e di approfondimento. Il sito della stazione si caratterizzò non come radio commerciale bensì come punto di riferimento e senza scopo di lucro. L’emittente , seguendo l’indirizzo socioculturale del primo fondatore al fine di mantenere la propria libertà ed indipendenza non ha mai voluto ospitare pubblicità, ne ha mai voluto usufruire di sponsorizzazioni, contributi pubblici o privati. Nel 1990 viene costituita l’Associazione Radio Cammarata Cefalù. A seguito della legge Mammì l’emittente viene riconosciuta come emittente comunitaria religiosa. Dal 1993 Radio Cammarata ha collaborato con Radio Vaticana ed è stata affiliata al circuito in Blu fino al novembre 2016. Nel 2006 l’Areanti–Corallo ha conferito all’emittente una targa per la sua longeva attività in campo radiofonico. Nel 1993 è stata la trasmissione giornaliera della parrocchia Spirito Santo di Cefalù con la collaborazione del compianto canonico Carmelo Serio, rivolta agli ammalati ed a coloro che erano costretti a rimanere a casa. Nel 2014 con una lettera d’invito, Adriano Cammarata in qualità di presidente dell’associazione Radio Cammarata , viene ricevuto in udienza privata dal Santo Padre, Papa Francesco.

Nel 2012 Federico Cammarata, figlio di Adriano e nipote di Pasquale, ha iniziato gli esperimenti di trasmissione dei programmi di Radio Cammarata via Web, con le dirette streaming su federico Cammarata tv, in modo da raggiungere in maniera capillare le zone non servite dal segnale FM. Il sogno di Adriano di aggiungere le immagini all’audio e memorizzare audio e video nella libreria dà la possibilità di vedere trasmissioni su federico cammarata tv in qualunque orario , anche ai cefaludesi all’estero con fuso orario differente. Dopo questo periodo di sperimentazione dal 13 novembre 2016 l’associazione Radio Cammarata , ha deciso in maniera unanime l’utilizzo in maniera definitiva del web. Tanti sono stati i collaboratori che da 40 anni hanno prestato in modo gratuito il loro tempo per far sì che fin dal suo sorgere ad oggi lo spirito dell’emittente restasse immutato cioè sempre quello di rendere un servizio sociale e culturale alla città di Cefalù senza pregiudizi o chiusure nei confronti di alcuno, ospitando nei suoi studi in tutti questi anni, esponenti del mondo politico, culturale, sportivo e di qualsiasi associazionismo. L’augurio più grande è che queste iniziative, intraprese da Pasquale Cammarata, da Adriano in seguito ed ora da Federico, possano continuare con la quarta generazione con: Adele e Giosuè figli di Federico.

www.cefalunews.org/2017/01/30/adriano-cammarata

Info Admin

In questo sito ci sono informazioni su tutte le Radio e TV attive in Sicilia, e su circa 400 TV e 1400 Radio scomparse.

Ti potrebbe interessare...

Il gruppo Media One in lutto, è morto il fondatore Enzo Speciale

E’ morto a 80 anni lo storico giornalista ed editore bagherese Enzo Speciale, negli ultimi …

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.